ALICE
La grata apribile che in assoluto ingombra meno al mondo

Affidabile: studiata appositamente per essere posizionata anche dove lo spazio esistente è già particolarmente ridotto, occupa al massimo 30 mm, offre la massima sicurezza senza bisogno di apportare lavori extra ai serramenti esistenti, e per il montaggio non ha bisogno di opere murarie.
La struttura è in tubolari 30x50x3 mm in acciaio, la parte interna della grata si sviluppa su tondi pieni da 16 mm e quadri da 12 mm.
La distanza interna trai i tondi può variare dai 75 ai 115 mm, come pure tra gli stessi montanti e la spalletta del muro.
La serratura è a doppia mappa con maniglia, anche estraibile (in opzione con cilindro europeo). La corsa è tra le maggiori sul mercato.

Apribile:
l’opportunità di potersi aprire sia all’esterno che all’interno la rende ideale soprattutto nei vani dove sono presenti persiane o antoni.

Agile:
inoltre è possibile avere ALICE® con anta snodata, per superare eventuali ingombri, e nella versione a 3 o 4 ante completamente apribili. In altezza massima, senza sopraluce, può raggiungere i 2550 mm.

Certificata contro le effrazioni secondo le severe normative UNI-EN in Classe III.

Garantita 10 anni nel funzionamento e certificata nel sistema produttivo.



ARNESI DA SCASSO UTILIZZATI DURANTE LA PROVA ANTIEFFRAZIONE



CERTIFICAZIONI



SCARICA LA SCHEDA TECNICA

Gentile cliente,
Per un corretto funzionamento delle grate di sicurezza occorre effettuare periodicamente una adeguata manutenzione.
Le regole da seguire sono:

• La pulizia delle grate deve essere fatta senza l’utilizzo di agenti chimici, per evitare di danneggiare la vernice, ma solo con acqua tiepida. Dopo la pulizia è consigliabile l’ingrassaggio delle parti mobili (es. snodi, puntali di chiusura, eccetera), e l’intersezione tra piatto orizzontale e tondo;
• Le asole di chiusura vanno tenute prive di polvere o terriccio, per evitare che la serratura sforzi e di conseguenza avere una rottura della stessa;
• Le serrature vanno lubrificate semestralmente con grasso spray (NO SVITOL);
• Evitare di installare feltrini od altro per non compromettere il miglior uso delle serrature.

                                                                                                                                                                                                                       
(ultimo aggiornamento del 29/07/20)

Detrazione 50%, scatta la proroga per le ristrutturazioni edilizie.
La legge di Bilancio 2020 n. 160 del 27/12/2019 ha stabilito la proroga della detrazione fiscali per le ristrutturazioni edilizie fino al 31 dicembre 2020.

È possibile detrarre dall’Irpef una parte degli oneri sostenuti per ristrutturare le abitazioni e le parti comuni degli edifici residenziali situati nel territorio dello Stato, pari al 50% delle spese, con un limite massimo di 96.000 euro per ogni immobile.
Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato.
La detrazione è da suddividere fra tutti i soggetti aventi diritto alla detrazione, che hanno sostenuto le spese: proprietari degli immobili e titolari di diritti reali sugli immobili oggetto degli interventi.

Fra gli interventi ammessi, quelli relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi, quali:

• rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici
• apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione
• porte blindate o rinforzate
• apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini
• apposizione di saracinesche
• vetri antisfondamento
• casseforti a muro
• eccetera

COSA DICE LA LEGGE

PRESENTAZIONE DIA
La DIA va obbligatoriamente presentata per tutti quei casi in cui i cancelletti, le inferriate, le tende da esterno, i doppi infissi o similari vengano collocati o sostituiti IN EDIFICI STORICI, o EDIFICI RICADENTI IN ZONA DI VINCOLO AMBIENTALE Dlgs 490/99 (ex legge 1497/39) o EDIFICI VINCOLATI COME BENI CULTURALI (ex legge 1089/39) mentre NON OCCORRE AUTORIZZAZIONE IN TUTTI GLI ALTRI CASI, purchè l´installazione o la sostituzione di cancelletti, inferriate, tende da esterno, doppi infissi o similari sia dello stesso tipo di eventuali già presenti o, se di nuova installazione, con univocità di tipo, stile e colore per fabbricato.

INFERRIATE ALLE FINESTRE IN CONDOMINIO
" È legittima, in mancanza di effettivo pregiudizio al decoro architettonico dell'edifico, la collocazione di inferriate alle finestre di un´unità immobiliare sita in un condominio, atteso che la funzione di difesa della proprietà individuale appare senz´altro meritevole di tutela. (Trib Rimini, sentenza 25 maggio 1995, est. dott. Cetro · massimata). Detta delibera, che qualificava come arbitrario la installazione di inferriate alle finestre di un appartamento, aveva delegato l´amministratore ad adottare i provvedimenti più opportuni per l'eliminazione delle stesse". " È legittima l´installazione di inferriate alle finestre di un´unità immobiliare condominiale, in quanto l´opera realizzata non comporta alcun turbamento estetico nella simmetria dell´edifico e alle sue linee architettoniche. Anche se l´opera cagionasse un pregiudizio economicamente valutabile, rispetto ad esso prevale l´interesse dei singoli condomini a tutelare la sicurezza dei propri beni e delle proprie persone. Massima: Sentenza Corte d'Appello MILANO · del 14 aprile 1989".